Compenso

Come ben noto, in virtù dell'eco mediatico che la novità ha avuto, per le prestazioni professionali degli avvocati non esiste più un tariffario applicabile.

La determinazione del compenso degli avvocati è infatti ormai rimessa al preventivo e libero accordo con il cliente.

Tuttavia, anche in assenza di tale accordo, l'avvocato può comunque adire l'autorità giudiziaria per chiedere il pagamento del compenso relativo all’attività prestata.

In tal caso, il giudice dovrà attenersi nel liquidare le somme spettanti a dei criteri di equità specificati dal D. M. 10 marzo 2014 n. 55.

Per tale motivo, ma soprattutto perché è orientamento di questo Studio Legale compiere comunque riferimento a tali criteri nel definire il compenso con il cliente, si riporta di seguito detto decreto.

**

MINISTERO DELLA GIUSTIZIA DECRETO 10 marzo 2014, n. 55.
Regolamento recante la determinazione dei parametri per la liquidazione dei compensi per la professione forense, ai sensi dell’articolo 13, comma 6, della legge 31 dicembre 2012, n. 247.


Scarica il PDF completo